Prezzemolina – la fiaba di Italo Calvino

La fiaba di Prezzemolina fa parte di una raccolta dell’autore Italo Calvino, interamente dedicata ai bambini. Si tratta di una storia con tanti elementi di magia e di fantasia, per una delle più belle fiabe per bambini. Ecco la storia da leggere e rileggere ai tuoi bimbi.

 

    Nome del Bambino* (Obbligatorio)

    Scegli la Fiaba Personalizzata* (Obbligatorio)

    Carica una foto del protagonista (puoi allegarla adesso o in un secondo momento)

    Inserisci la tua email* (Obbligatorio)

    Inserisci il numero di telefono (Facoltativo)


    Ti avviseremo con un sms quando sarà pronta l'anteprima.

    Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy


    Il riassunto della fiaba Prezzemolina di Italo Calvino

    Tanto tempo marito e moglie abitavano in un piccola casetta che affacciava direttamente sull’orto delle Fate. La donna aspettava un bimbo e le venne una gran voglia di prezzemolo. Si affacciò al suo balcone e notò, nell’orto delle Fate, una grandissima quantità di prezzemolo. Prese quindi una scaletta, si calò nel giardino magico e ne mangiò in gran quantità.

    I giorni passarono ed ogni giorno la giovane donna mangiava il prezzemolino del giardino incantato. Le Fate si accorsero che c’era qualcuno che lo prendeva. Decisero quindi di nascondersi per scoprire il colpevole. Quando la donna scese nell’orto, sbucò fuori una fatina nascosta che le disse: “Ti ho scoperto finalmente!”. La donna si scusò, perché aspettava un bambino e non riusciva a placare quella forte voglia. Le Fate la perdonarono ma le dissero che avrebbe dovuto chiamare sua figlia Prezzemolino (se maschietto) o Prezzemolina (se femminuccia). Inoltre appena la bambina sarebbe diventata grande, sarebbe andata via con le Fate.

    Dopo non molto nacque una bellissima femmina, il suo nome fu Prezzemolina e crebbe tranquilla e felice. I genitori si dimenticarono del patto stretto con la fatine, ma quando Prezzemolina fu grandetta, cominciò ad andare a scuola. E mentre tornava a casa, incontrava le Fate che le dicevano: “Bambina, dì alla mamma che si ricordi quello che ha promesso di darci”. La mamma, sovrappensiero, le disse: “Che se la prendano pure quella cosa, tesoro della mamma”.

    Il giorno successivo le Fatine afferrarono Prezzemolina e andarono via. Mostrarono alla bambina una stanza nera nera dove tenevano il carbone e le chiesero di pulirla così che tornasse bianca e perfettamente dipinta. “Altrimenti ti mangiamo” fu questa la minaccia finale… La bimba era in lacrime disperata.

    Bussarono alla porta. Entrò Memé, il cugino delle Fate che promise di pulire e dipingere la camera in cambio di un solo bacio. Prezzemolina rispose:

    Preferisco dalle Fate esser mangiata
    piuttosto che da un uomo esser baciata.

    Memé decise di aiutarla comunque: batté la bacchetta magica e la stanza divenne tutta bianca e perfettamente dipinta. Andrò via Memé e la Fate tornarono. Insospettite le fatine le chiesero: “Dì la verità Prezzemolina, c’è stato qui Memé?” e con una piccola filastrocca la bimba rispose:

    Non ho visto il cugino Memé
    né la mia mamma bella che mi fé.

    Il giorno dopo le fate parlavano tra loro e si chiedevano: “Come possiamo mangiarci Prezzemolina?” Chiamarono la ragazzina e le ordinarono di andare dalla Fata Morgana per avere la scatola del Bel Giullare. Durante il cammino, Prezzemolina incontrò Memé che le raccontò che la fata Morgana l’avrebbe mangiata. Memé le diede allora due pentole piene di lardo, per ungere le porte che l’avrebbero lasciata passare. Le diede due pani: “Troverai due cani che si mordono l’un l’altro, buttagli i pani e ti lasceranno passare. Poi tieni questo spago, dallo al ciabattino che incontrerai e ti lascerà passare. Infine prendi questa scopa e dalla alla fornaia, dagliela e ti lascerà passare”.

     prezzemolina-fiaba-calvino

    Prezzemolina prese tutto e si avviò dandoli a tutti gli interessanti che la fecero passare. Arrivata al castello di Morgana, bussò e sapendo di essere in pericolo, prese la scatola del Bel Giullare e scappò via. La fata Morgana ordinò alla fornaia, al ciabattino, ai cani e alla porta di fermare quella bambina: ma tutti si rifiutarono!

    Vendendola tornare a casa, le fate ci rimasero male: “Come mai Morgana non l’ha mangiata?” Chiesero quindi a Memé dicendogli che domani l’avrebbero buttata nella pentola con l’acqua bollente. Lui rispose: “Si si, è una buona idea”. Quando le fate furono uscite, Memé andò da Prezzemolina e l’avviso del pericolo che correva. Tu dirai loro che manca la legna per accendere il fuoco e andrai in cantina a prenderla. Poi arriverò io. Così fece la ragazzina e il giorno dopo puntualmente trovo, in fondo alla cantina, Memé che le disse: “Tutti questi lumi che vedi sono le anime delle Fate. Soffia!”

    Per ogni candelina spenta, una fata moriva! L’ultima a morire fu Morgana, la più potente di tutte. Rimasero così solo loro due, padroni di ogni cosa. “Ora sarai mia sposa” disse Memé e Prezzemolina finalmente gli diede un bacio. Tornarono al palazzo della Fata Morgana. Il ciabattino divenne duca, la fornaia una marchesa, i cani divennero i loro animali di compagnia e la porta la lasciarono lì ungendola ogni tanto. La fiaba si conclude con una piccola canzone in rima

    Così vissero e godettero,
    sempre in pace se ne stettero
    e a me nulla mi dettero.

    Chiedi alla tua bimba: e se tu incontrassi Memé?

    L’autore di Prezzemolina, Italo Calvino, ha scritto una fiaba piena di magia e di avvincenti colpi di scena. Si tratta di una trama adatta anche ai bimbi piccoli e perfetta come storia della buonanotte. Il significato di Prezzemolina è una spinta per il bambino a non mollare mai, a combattere per ciò che ottiene e sapere discernere il bene dal male. E’ un invito a sapersi fidare con chi è buono senza chiedere nulla in cambio.

    Potresti chiedere al tuo bambino, per farlo emozionare e spingerlo in alto con la sua fantasia: Se incontrassi Memé, cosa gli chiederesti?

    Ti è piaciuta la fiaba di Prezzemolina? Su LibroMagico ne troverai tante altre ancora per bimbi e bimbe di tutte le età. Da Cenerentola a Cappuccetto Rosso…, tutte le più belle favole classiche per l’infanzia. Inoltre per fare un regalo personalizzato al tuo bambino, da oggi puoi personalizzare i libri di fiabe rendendoli protagonisti di incredibili avventure. Non ci credi? Guarda le nostre fiabe personalizzate.


     

    Scopri le altre fiabe di Libro Magico…

    Fiabe Personalizzate

    Alice nel Paese delle Meraviglie

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    Cappuccetto Rosso

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    Fate del Bosco Incantato

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    Fiaba degli Animali Liberati

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    Fiaba per il Regalo Battesimo

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    La Favola di Peter Pan

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    La fiaba di Hansel e Gretel

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    La Grande Avventura

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    La Grande Avventura con i Nonni

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    La Sirenetta

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    Le Avventure di Baby Birba

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    Libri per Bambini 1 anno

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    Libri per Bambini 1-2 anni

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    Libri per Bambini 2-3 anni

    49,7059,70
    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    Pippi Calzelunghe

    49,7059,70

    Fiabe Personalizzate

    Regalo di Compleanno

    49,7059,70